2 maggio 2007

Articolo da Il Mattino del 19.04.07

Fonte: Il Mattino
Data: 19.04.2007
Autore: Paola De Stasio

Titolo: Schianto nella notte, studente muore sul colpo

Articolo:
Ponteromito.
Tornava a casa dopo una serata con gli amici di scuola con i quali aveva partecipato, alcuni giorni fa, a una gita a Praga.

Quasi certamente è stato un colpo di sonno, intorno alle due della notte scorsa, a spegnere la vita di Angelo COLUCCI, 19 anni, di Castelfranci.
Lo studente del liceo scientifico «Rinaldo d’Aquino» di Montella stava tornando a Castelfranci da un ristorante di località Tagliabosco di Nusco.



Qualche minuto prima dell’incidente aveva telefonato a casa per annunciare il rientro di lì a poco. La tragedia si è consumata alla frazione Ponteromito, una striscia d’asfalto lungo la statale 164, al confine tra i comuni di Montemarano e Nusco, nei pressi di una semicurva che immette a un rettilineo di circa cento metri che termina con un incrocio.

A due passi il terminal degli autobus. La Renault Clio condotta dal ragazzo è finita prima lungo la banchina della carreggiata destra e poi, sul lato opposto, ha impattato violentemente contro il cancello scorrevole in ferro del mobilificio «Falcone».
Ha terminato la corsa contro un palo in ferro.
Una carambola micidiale che ha ucciso sul colpo Angelo. La vettura è un ammasso di rottami.
Nessuna traccia di frenata.
Un particolare, questo, che consente agli inquirenti di ipotizzare, come detto, il colpo di sonno.



Alle 2,40 sul posto dell’incidente sono giunti i carabinieri di Nusco e della Compagnia di Montella, al comando del capitano Luigi Saccone, e un’ambulanza del 118. E’ stato tutto inutile.

Il 19enne era deceduto sul colpo.

La Renault è stata sottoposta a sequestro e a disposizione dell’autorità giudiziaria. Stamane nell’obitorio dell’ospedale «Criscuoli» di Sant’Angelo dei Lombardi verrà eseguito l’esame autoptico. Angelo COLUCCI era un ragazzo semplice, gioviale.
Di tanto in tanto lavorava in qualche fine settimana, dopo gli impegni di scuola, in un ristorante della zona. Il padre Giuseppe è dipendente Fiat, la madre Maria Perillo casalinga.
Gli altri due fratelli vivono fuori d’Irpinia: Raffaele studia a Napoli, Alessandro a Pisa. Angelo frequentava la quinta A del liceo scientifico di Montella.
Avrebbe dovuto sostenere gli esami a giugno: un traguardo importante. Due comunità sotto choc.

Ieri mattina, appena s’è diffusa la notizia della morte dello studente una rappresentanza dei docenti del liceo e numerosi compagni di scuola sono andati a Castelfranci e a Sant’Angelo.

Nel piccolo centro irpino il sindaco Eugenio Tecce ha proclamato il lutto cittadino. «E’ una tragedia che colpisce tutti. Sono senza parole. Conosco la famiglia da sempre - ha detto il primo cittadino di Castelfrnaci - e conoscevo il ragazzo. Sarà difficile elaborare un dolore così grande».


Fonte web:
http://ilmattino.caltanet.it/mattino/view.php?data=20070419&ediz=
AVELLINO&npag=39&file=VOLA.xml&word=colucci&type=STANDARD

1 commento:

  1. Angelo..., prendi ancora un tuo sorriso e donalo a chi non l'ha mai avuto..., prendi un raggio di sole e fallo penetrare là dove regna la notte e la tristezza..., prendi il tuo coraggio e mettilo nell'animo di chi non sa lottare..., prendi la tua bontà e donala a chi non sa donare..., racconta la tua vita a chi non sa capirla...

    RispondiElimina

Per te

Ricordarti bambino ... Testo in lingua originale Here I go out to sea again The sunshine fills my hair And dreams hang in the ai...