20 maggio 2007

Una poesia nel web postata da "Angelo Colucci"

mercoledì, agosto 06, 2003

Altrove

Cieco è questo andare nel mondo
ravvolti nel mistero
senza mai poter sbrogliare
la matassa degli eventi.

Sostare di tanto in tanto
al ciglio della ripida strada
viandanti stremati
dalla fatica del vivere.

Struggersi per il tempo che va e non ritorna
sognare quelli che amammo e ci amarono
e consolarsi solo della folle fede
che son vivi ancora in quell' "altrove"
che, alla fine, ritroveremo.

Angelo Colucci


http://blublog.splinder.com/

18 maggio 2007

Vacanza in calabria del agosto del 2005

Ecco le foto della nostra straordinaria vacanza in calabria nell agosto del 2005.

Lello e Stefania ci aspettano a Mirto di Crosia.
Io ed Angelo ci mettiano in viaggio nei giorni piu caldi di agosto.
Dobbia raggiungere Mirto Crosia.

Siamo sulla Salerno Reggio Calabria.
Un inferno nel cuore del sud.
Tantissimi cantieri aperti e rallentamenti.

Il viaggio, qui inizia l'avventura.



Link diretto:
http://www.youtube.com/watch?v=rnaj3fMtnb4


Ma l'entusiasmo della vacanza riesce a tenere alto il morale e a farci sopportare il caldo, la stanchezza, il traffico, i rallentamenti e lo stress.

Una vacanza improvvisata a modo nostro.
Lontano da tutto e da tutti.
In viaggio insieme.
Io ed Angelo.

Ecco come si passavano le giornate prima e dopo pranzo.
Una piccola partitina per chi doveva lavare i piatti.
Un altra per chi doveva cucinare e fare la spesa.



Idea di Angelo!
Che vinceva!


E' la vacanza piu bella passata insieme.
In 5 giorni non abbiamo fatto un bagno al mare!

Sempre impegnati a divertirci.


La giornata passata all'acqua park di Rossano calabro.
Mai cosi divertente.



Con Angelo abbiamo provato tutti gli scivoli, anche quelli alti quattro piani e dieci rampe di scale per arrivare in cima.




Angelo in pieno relax!
Con i suoi inseparabili occhiali da sole.


Mare non ancora visto di che colore è.

Come ad esempio la notte passata sulle mini-moto.
Che divertimento!
Angelo correva come un pilota di moto GP.
Io non ero da meno.



Subito è nato agonismo.
La prima posizione valeva tutto.

Alla fine della gara Angelo era tra i migliori in pista.
E gli amici della calabria che ci avevano osservato da bordo pista si erano messi le mani nei capelli per quanto Angelo ed io eravamo spericolati!


Ecco anche Lello in gara.




Risultato gara:
Angelo con le ginocchia e i gomiti sbucciati per le cadute.
Io con quattro punti sulla mano, pantaloni strappati e lividi dappertutto.
Lello incaz.. nero per l'incoscienza mia e di Angelo.


E la accanitissima partita a calcetto !
Con i piedi rotti e i muscoli a pezzi.
Con il sudore alla fronte ma con la grande soddisfazione di aver giocato insieme.
Angelo Lello e io.


Risultato ?
11 a 8 per noi!
Bella soddisfazione.


Angelo che non ce la fa, ma non si arrende.
E segna gli utlimi gol della vittoria!





E dei gavettoni????

Lello che gavettava tutti!
Prima Angelo mentre dormiva e poi me, sempre nel sonno.



Link diretto:
http://www.youtube.com/watch?v=YPzhIYRl4jg

Lello: " Gavettone ....!!!"
Angelo: "Ah ... si!!"


Ma poi ... chi lo fa lo aspetti!
Piano diabolico messo in atto con Angelo.
Uno spasso a sommergere Lello di acqua.

Presto pubblichero anche il video del "mega gavettone" Angelo e Alessandro ai danni di Lello e Stefania.

Il rientro di nuovo insieme: io e Angelo.



Link diretto:
http://www.youtube.com/watch?v=u0pvPK274o0

Ciao Angelo.
Alla prossima straordinaria vacanza insieme.

Avviso per sabato 19 maggio ore 18

Il giorno sabato 19 maggio nella chiesa di Santa Maria del Soccorso, in Castelfranci sara celebrata una messa per salutare Angelo.

La celebrazione avverra alle ore 18.




La famiglia Colucci sentitamente ringrazia tutte le persone che hanno partecipato all'acerbo dolore.

13 maggio 2007

Video di Angelo su You Tube

Al seguente link e stato pubblicato il video fatto dalla Va del liceo scientifico di Montella, Avellino.


Un grazie caloroso e forte a Sara, Daniela, Angela e Michela.

E un grazie davvero di cuore a tutti gli amici della Va del liceo scientifico di Montella dove Angelo studiava.

Vorremmo tutti che fossi qui ancora 5 minuti con noi.
Ancora un poco per abbracciarti.
Ancora un poco per dirti almeno "ciao".


Ci avete fatto piangere un sacco per questo video.
Ci siamo commossi tutti nel rivedere Angelo con voi, i suoi amici.
E siamo felici qui a casa quando ci parlate di Angelo.

Quando ci raccontate di lui.
Dei suoi scherzi, delle sue mappe concettuali, del suo stare con voi.

Siamo felici di sentire i vostri racconti.

Angelo sembra essere ancora vivo,
sembra essere ancora intorno a noi:
sara sempre nei nostri pensieri, nelle nostre giornate.


Siamo morti un po tutti con lui.
Ci sentiamo un vuoto che non potra essere mai colmato.

Voi tutti ricordandoci di lui riempite con gioia il nostro vuoto.
Voi, i suoi amici, ci ricordate di Angelo, perche in voi vediamo vivere i momenti che avete vissuto insieme.
Perche in voi c'e una parte di Angelo.

E in ogni lacrima che scende sul volto di chi ha conosciuto Angelo c'e un sorriso che lui vi ha regalato: un sorriso gratuito, spontaneo, dolce.


Vi siamo davvero tutti molto grati di cuore.

Siamo senza senza parole per l'affetto che gli dimostrate.
Lo pubblichiamo qui perche chiunque possa vederlo.

Il file e stato pubblicato su You Tube per rendere facile lo streaming video e la sua visualizzazione.



Artista: Pink Floyd -
Titolo: Wish You Were Here -
Titolo Tradotto: Vorrei Che Fossi Qui

So, so you think you can tell
Heaven from Hell,
Blue skys from pain.
Can you tell a green field
From a cold steel rail?
A smile from a veil?
Do you think you can tell?

And did they get you to trade
Your heros for ghosts?
Hot ashes for trees?
Hot air for a cool breeze?
Cold comfort for change?
And did you exchange A walk on part in the war
For a lead role in a cage?

How I wish, how I wish you were here.
We're just two lost souls
Swimming in a fish bowl,
Year after year,
Running over the same old ground.
What have we found?
The same old fears.
Wish you were here.



Allora, pensi di saper distinguere
il paradiso dall'inferno?
I cieli azzurri dal dolore?
Sai distinguere un campo verde
da una fredda rotaia d'acciaio?
Un sorriso da un pretesto?
Pensi di saperli distinguere?

E ti hanno portata a barattare
i tuoi eroi fantasmi?
Ceneri calde con gli alberi?
Aria calda con brezza fresca?
Un caldo benessere con un cambiamento?
e hai scambiato un ruolo di comparsa nella guerra
con il ruolo di protagonista in una battaglia?

Come vorrei, come vorrei che fossi qui
Siamo solo due anime sperdute
Che nuotano in una boccia di pesci
Anno dopo anno
Corriamo sullo stesso vecchio terreno
E cosa abbiamo trovato?
Le solite vecchie paure
Vorrei che fossi qui

Vi riporto inoltre il link diretto su You Tube:
(indirizzo di pubblicazione e visualizzazione del video)

Clik e vai al video della Va del liceo di Montella.



Lasciate pure un commento dopo aver visto il bellissimo video.

Un caloroso abbraccio

5 maggio 2007

A verteglia insieme

Foto del 2002 quando portavi gli occhiali.

Quando siamo usciti insieme a verteglia.
Mancava solo Lello.



A cavalcare insieme sul terminio.



E la tua spassosa foto sul povero mulo che a stento ti reggeva!




Cosi come questa foto, originale e inventata da te.







Insieme mamma e papa'.





Sul calesse con il pony che non voleva partire e faceva storie!





E noi che a voce gli dicevamo "Su forza, vai!"
Tanto non ci rispondeva.

La vacanza in Grecia agosto del 2006

Ecco le bellissime foto della nostra gita insieme in Grecia, nell'isola di Corfu'.
Di agosto del 2006.
Programmata quasi un anno prima.

La nostra prima, vera vacanza insieme.

Tutti pronti.
Macchina carica fino a scoppiare.
Portabagagli pieno.
Sole le cose essenziali...;-)
Difficile rinunciare alle comodita di casa.

Scatto prima della partenza.


Viaggio da Castelfranci a Brindisi in macchina.




Da Brindisi all'isola di Corfu'
Viaggio in nave all'avventura.



E' duro dormire a terra.
Al freddo del mare aperto.
Ma nulla puo fermarci!



Angelo che dorme come un ghiro sotto la scala della nave.
Tutto prima classe!






In casa per i primi 3 giorni di vacanza.
Un temporale non ci fa metter nemmeno il naso fuori di casa!



Pioggia, pioggia e pioggia.
Niente sole.





Siamo quasi annoiati ma...



Fuori piove, ma Angelo sa come tenere alto il morale ... ;-)




Costringe Lello ad un sorriso.




Meritato mare e sole.



Angelo in una bella posa.
Tutto suo papà!


Vi presentiamo il mare ed i paesaggi della bella Corfu'







A presto anche delle altre ....

Gita a Praga di aprile 2007 (parte 2)

Ecco altre foto della gita a Praga di aprile 2007.
Mi sono giunte dai suoi amici.



Angelo quando ci siamo sentiti per telefono l'ultima volta era gia rientrato dalla gita.
Era martedi del 17 aprile intorno alle 22.

Era al ristorante perche per cellulare si sentiva una gran confusione.

A telefono mi aveva chiesto un favore...
"Ale quando puoi mi metti le foto su un blog come il tuo ?
Anche a me piacerebbe avere uno spazio web dove poter lasciare traccia e foto dei viaggi che farò.. proprio come il tuo, proprio come hai fatto tu.."



Certo Angelo.
Questo blog è dedicato a te.
E' dedicato al mio splendido fratellino.


Vedi ?
Tutti i tuoi amici ci stanno inviando moltissime tue foto.
Ti vogliono davvero un gran bene dell'anima.

Ciao Angelo.
Non vedo l'ora di riabbracciarti.

Calenzano 16 04 2007




Insieme a Calenzano.

Cena con gli amici per la buona riuscita della festa del 23 12 2006



Angelo ed i suoi amici di scuola.



A cena insieme.

La festa del mak pi greco 100 della V liceo dell 11 nov 2006

Pubblico qui alcune foto inviate dai suoi amici.
Festa del Mak pi greco 100 della V liceo, Istituto Scientifico di Montella.

Festa che rappresenta gli utlimi 100 giorni prima della fine dell'ultimo anno di scuole superiori, prima della maturita.

I festeggiamenti si sono svolti nella Palestra comunale di Castelfranci.

Sapeste quanto era contento Angelo.
Ci ha raccontato che si era divertito davvero molto.
E il giorno dei preparativi non stava un attimo fermo.
Tra gli organizzatori era felice di poter dare una mano.



Vi ringrazio davvero di cuore tutti per le tante foto che ci avete inviato.
Aspettiamo con ansia altre foto da poter pubblicare su questo spazio.




Foto di gruppo con l'ospite di onore.

3 maggio 2007

Gita a Praga

Ecco la vera passione di Angelo.



Gli amici.
Sempre in mezzo agli altri, con gli altri, per gli altri.



Odiava la solitudine,
le fredde mura di casa, ormai quasi vuota.

Alessandro suo fratello maggiore era da tempo trasferito a Pisa per studio.
Lello invece pendolare a Napoli, sempre per motivi di studio.



Angelo, ultimo di 3 figli era il piu coccolato, quello che teneva compagnia, si fa per dire, ai genitori.

Amava gli amici.
Cercava sempre di stare con gli altri, gli amici del paese, di liceo.
Gli amici di infanzia con cui era cresciuto.



Gli amici delle partite di calcetto.
Gli amici delle serate in giro fino a tardi.

Gli amici di scuola.

Amici di avventura e sventura.

La tua ultima mail sul gruppo di Castelfranci

Ciao a tutti :-))) scusate il ritardo ma...come si dice: "meglio tardi
che mai" noo..?!? ho cliccato -informazioni su questo gruppo e.. il
giudizio relativo all'attività è: "BASSO" dai cerchiamolo di farlo
migliorare!!! che fine avete fatto? Fatevi sentire...
Angelo.



Sito web pubblico:
http://groups.google.com/group/castelfranci

Descrizione:
Discussioni su Castelfranci, un piccolo paese della verde Irpinia.
Lontani dalle nostre terre di origine nel cuore portiamo sempre il ricordo di una vita serena, felice e spensierata.
Per tutti i castellesi sparsi nel mondo.
Per tenere alto l'orgoglio che ci lega alle nostre terre e ai nostri affetti.

E mail pubblica:
castelfranci@googlegroups.com

Articolo da Retesei del 18.04.07

Fonte: Retesei.it
Data: 18.04.07

Titolo:
Cronaca
NUSCO (AV). 19 enne perde la vita in un incidente stradale.


Articolo:
Mercoledì 18 Aprile 2007 - 11:28.
Alle tre della scorsa notte a Nusco alla frazione Ponteromito un 19 enne di Castelfranci, Angelo Colucci ha perso la vita in un incidente stradale.
Il giovane, a bordo di una Renault Clio, all’uscita da una semicurva a sinistra, ha perso il controllo dell’auto rovinando dapprima sulla banchina destra della carreggiata per poi terminare la corsa sullo spigolo destro della recinzione di un negozio di mobili.
A terra i carabinieri accorsi sul posto per i rilievi del caso non non trovavano alcuna traccia di frenata.
Non si esclude che a causare l’incidente possa essere stato un colpo di sonno dell’autista.
Sul posto, sono intervenuti sanitari del 118 di Montella, questi non potevano fare altro che constatare il decesso del giovane.
La notizia della morte di Angelo Colucci ha destato sconcerto a Castelfranci.
Il sindaco del centro irpino ha proclamato il lutto cittadino.


Fonte web:
http://www.retesei.com/2007/9512.html

Articolo da Il Mattino del 22.04.07

Fonte: Il Mattino
Data: 22.04.07


Titolo:
RISPONDE PIETRO GARGANO
«Sicurezza stradale, se ne parla poco»


Articolo:
A Napoli si continua a morire per incredibili incidenti stradali.
Il bilancio degli ultimi giorni ci fa rabbrividire.
Vicino al dramma delle vittime della criminalità organizzata e all’emergenza rifiuti-inquinamento, emerge quello delle vittime da INCIDENTE stradale.

La sicurezza sta tornando nel dimenticatoio.

È facile parlare d’imprudenza e di alta velocità (comportamenti sbagliati e purtroppo molto presenti), ma quali sono i parametri minimi di sicurezza che ci garantiscono le nostre strade?

Qual è il reale controllo dei vigili urbani sul territorio?
I vigili faranno anche il loro dovere, ma sono in numero sufficiente?
È facile incolpare i sanpietrini, ma le strade asfaltate non vediamo in che condizioni sono ridotte?
I sanpietrini saranno pericolosi, o forse no, ma è insufficiente la manutenzione.

Da una delle mie tante lettere degli anni scorsi e purtroppo sempre attuali:

«Una guerra infinita che miete vittime senza sosta, senza distinzione di età, sesso e ceto sociale.
Ogni volta ci scandalizziamo, i giornalisti scrivono a caratteri cubitali, i sindaci e i vari amministratori qualche volta intervengono a piangere insieme con i familiari delle vittime e promettono interventi e soluzioni, si rimane tutti sconvolti da simili notizie, nei quartieri direttamente colpiti dalla perdita si partecipa con grande sgomento e dolore.
Ma dopo alcuni giorni tutto riprende uguale.
Si riprende a morire, questa è ormai la nostra normalità.
Gli amministratori finanziano interventi dei quali non si vedono risultati tangibili, nelle scuole qualcuno fa educazione stradale, spesso senza docenti adeguatamente preparati e senza materiale didattico, e i cittadini sconvolti riprendono e guidare senza casco, senza cintura o con il telefonino in mano
».

Gli eventi e le parole si ripetono.

I cassonetti (per non parlare dei cumuli d'immondizia) rappresentano un pericolo occulto in tantissime strade napoletane.

Forse nell'INCIDENTE di Barra, dove è morto un giovane, con un suo compagno gravemente ferito, la causa è un’altra, non si sa.
Ma verifichiamo in tutta la città come sono sistemati.
E lo spartitraffico mancante in via Beccadelli? (dove tra l’altro i cassonetti sono sistemati, sulle due discese, sempre pericolosamente e alla fine qualcuno rischierà di schiantarsi).
Nello stesso punto di un anno fa, dove morì un giovane, abbiamo avuto la settimana scorsa un nuovo dramma.
Una famiglia distrutta e un’altra terribilmente segnata.
Perché una giovane coppia di onesti cittadini, Franco D’Antonio e Letizia Turzo, 40 e 37 anni, non ha più il diritto di vivere e di crescere i propri figli?
Come cresceranno adesso i due ragazzi, minorenni, con questo tremendo colpo sulle spalle?

Credo che le istituzioni debbano dare subito un segnale di presenza e di vicinanza, in particolare ai due giovani orfani, alle famiglie coinvolte negli eventi luttuosi (spesso anche chi sbaglia vive rimorsi, dolori e lutti) e alla città intera.

Bisogna intervenire subito per creare le per lo meno minime condizioni di sicurezza in città e provincia.

Strade sicure, manutenzione continua, controlli diffusi e giornalieri, zone a traffico limitato, zone pedonali, zone a velocità ultralimitata come le zone 30, spartitraffico invalicabile nelle strade più pericolose (a partire proprio da via Beccadelli) interventi di educazione stradale in tutte le scuole in cui siano coinvolte le famiglie degli studenti e tanto altro ancora.

Statisticamente i centri urbani mietono più vittime, ma non dimentichiamo della pericolosità della Tangenziale e di tutte le statali e provinciali che circondano l’hinterland napoletano.

Con l’avvicinarsi dell’estate assisteremo purtroppo ancora una volta a un incremento delle vittime su strada.

A partire dalla litoranea Domiziana passando per Pozzuoli, da tutta la rete viaria mediana della zona nord-orientale, e sulle terribili statali della penisola sorrentina assisteremo a un aumento del flusso stradale impressionante, che non sarà garantito dalla sicurezza di queste arterie ormai disseminate di sangue e morte.

Alessandro Petrosino - POZZUOLI (NA) Il signor Petrosino rappresenta l’Associazione italiana familiari vittime della strada e l’Associazione EnnioeRosa.

Gli diamo voce perché la sicurezza stradale è un argomento che ci sta molto a cuore.


Fonte web:
http://ilmattino.caltanet.it/mattino/view.php?data=20070422&ediz=CANADA&npag=9&file=GARGANO.xml&word=incidente&type=STANDARD

2 maggio 2007

Articolo da Il Mattino del 19.04.07 n 2

Fonte: Il Mattino
Data: 19.04.07
Autore: Carlo Tecce

Titolo: Angioletto, la vita a bordo del suo «Ciao»

Articolo:
CASTELFRANCI. Alto, capelli lunghi, bella presenza.
Angioletto era diventato Angelo.
E aveva tolto gli occhiali, aveva perso l'andatura dinoccolata, a tratti buffa.
Aveva raggiunto l'anno della maturità.
Era slanciato e aveva folte chiazze di barba, ma gli amici, i parenti e i semplici conoscenti non smettevano di chiamarlo Angioletto: per affetto, per apprezzare con la parola la sua silenziosa discrezione.
Ultimo di tre fratelli, il cocco di papà Giuseppe e mamma Maria.
Con gli occhiali, la benda per l'occhio pigro e il fisico asciutto.

E con Alessandro, il maggiore, e Lello all'università, Angelo aveva le prime responsabilità da affrontare.
La vecchia bicicletta era un vecchio motorino, il "Ciao" con i pedali, che s'ingolfa, che ti lascia a piedi, ma che, con la fantasia, ti trasporta ovunque.
E giù da Santo Eustacchio alla piazza, al campetto scosceso di Vadantico.

Assieme agli altri, sempre con gli altri.



Angelo studente che fa il pendolare a quattordici anni, che lotta con le difficoltà, le subisce, le prende di petto e le supera.
E lì, allo Scientifico di Montella, non mancherà uno studente della classe quinta A, mancherà uno di loro, uno del liceo: socievole, propositivo, sempre presente alle assemblee.
Il diploma distava pochi mesi, poche curve, le stesse poche curve che l'hanno diviso, per sempre, da casa.
Era già pronto per il futuro: all'università, bravo come i fratelli, pronto a esprimere la sua intelligenza che, per la sua particolarità, non era confinata alle pagine di un libro.

Angelo giocava a calcetto, partecipava ai tornei alla faccia di chi si crede un talento: lui, imbranato e mattacchione, giocava per divertirsi.

Giocava con i "Poss", senza la "e” per distinguersi dal gruppo napoletano, per fuggire dalla realtà di un minuscolo paese con i sogni troppo piccoli e gli incubi, figli della noia, troppo grandi.

C'erano lo studio, la passione per la musica, le belle ragazze e, senza dichiararlo ai quattro vènti, c'era un umile impiego di cameriere al ristorante "Il Camino" del compaesano Soccorso Boccella: per qualche soldo, per avere la benzina e per prendere il caffé con gli amici.

Un’anziana, che chiede sostegno ad un quercia di via Capogiardino, sospira con saggezza: "Abbiamo perso un pezzo di futuro, CASTELFRANCI l'ha perso".
Già, perché Angioletto era come gli altri, come tutti i ragazzi castellesi.

E' il giorno del lutto cittadino. Chi gli porgerà l'estremo saluto, dirà addio ad un pezzo di se stesso e di CASTELFRANCI.



Fonte web:
http://ilmattino.caltanet.it/mattino/view.php?data=20070419&ediz=
AVELLINO&npag=39&file=CEN.xml&word=castelfranci&type=STANDARD

Articolo da Il Mattino del 20.04.07

Fonte: Il Mattino
Data: 20.04.07
Autore: Carlo Tecce

Titolo:
CASTELFRANCI
Addio ad Angelo, si ferma un paese intero.
Lacrime e rabbia ai funerali. Il parroco: «Proteggiamo i nostri giovani»


Articolo:
Castelfranci.
La messa è finita da due ore ma gli amici sono lì, in cerchio davanti al cimitero, e non hanno voglia di andarsene. Non ci riescono.
Non è facile salutare, per sempre, Angioletto.

Il giorno del lutto cittadino e del funerale di Angelo COLUCCI comincia con i toccanti manifesti dei fratelli, dei compagni di classe e degli amici di Castelfranci.
«Angelo, grazie per esserci stato», scrivono i ragazzi della V A e, poi, abbozzano un sorriso, sul pulpito, quando ricordano Angelo in gita, Angelo tra i banchi, Angelo alla lavagna.
E Alessandro e Lello, i fratelli universitari, gli promettono: «Sarai per sempre nei nostri cuori, nella nostra vita, nei nostri pensieri. E' impossibile cancellarti dai nostri ricordi».

C'è silenzio dentro e fuori la piccola chiesa di San Nicola, tra piazza Municipio e via Santo Eustacchio: un tratto in discesa, una curva e sono tutti lì, commossi, ad attendere il feretro.
Lì sulla via che Angelo percorreva, da casa al centro, per raggiungere gli amici e per andare a scuola.

Il parroco, don Enzo Granese, abbraccia Angelo e i giovani: «Che non succeda mai più.
I ragazzi sono la linfa vitale di un paese e vanno sempre seguiti, protetti, amati».

Angelo ha riunito tutti: ci sono i parenti, gli amici, i conoscenti, i professori del liceo e il sindaco di Montella, Salvatore Vestuto.

Un'ora e mezza di preghiera, di lacrime e il corteo, con i compagni che stringono al petto un mazzo di fiori bianchi, s'avvia verso il cimitero.

C'è chi non crede che, l'altra notte, qualcuno l'ha strappato dalla vita, sulla via di casa, da una pizza con gli amici per festeggiare la bella gita di Praga.

Angelo non c'è più, un tragico incidente l'ha strappato dall'affetto dei suoi cari.

I suoi scherzi, la sua allegria, la sua voglia di vivere: restano, non se ne andranno mai.
E i fratelli giurano: «Non c'è distanza che possa impedirci di vivere insieme». Nessuno ha la forza di dire: «Angelo, addio». Le parole giuste, semplici, commosse: «Ciao, Angiolè».


Fonte web:
http://ilmattino.caltanet.it/mattino/view.php?data=20070420&ediz=
AVELLINO&npag=35&file=SOSO.xml&word=colucci&type=STANDARD

Articolo da Il Mattino del 19.04.07

Fonte: Il Mattino
Data: 19.04.2007
Autore: Paola De Stasio

Titolo: Schianto nella notte, studente muore sul colpo

Articolo:
Ponteromito.
Tornava a casa dopo una serata con gli amici di scuola con i quali aveva partecipato, alcuni giorni fa, a una gita a Praga.

Quasi certamente è stato un colpo di sonno, intorno alle due della notte scorsa, a spegnere la vita di Angelo COLUCCI, 19 anni, di Castelfranci.
Lo studente del liceo scientifico «Rinaldo d’Aquino» di Montella stava tornando a Castelfranci da un ristorante di località Tagliabosco di Nusco.



Qualche minuto prima dell’incidente aveva telefonato a casa per annunciare il rientro di lì a poco. La tragedia si è consumata alla frazione Ponteromito, una striscia d’asfalto lungo la statale 164, al confine tra i comuni di Montemarano e Nusco, nei pressi di una semicurva che immette a un rettilineo di circa cento metri che termina con un incrocio.

A due passi il terminal degli autobus. La Renault Clio condotta dal ragazzo è finita prima lungo la banchina della carreggiata destra e poi, sul lato opposto, ha impattato violentemente contro il cancello scorrevole in ferro del mobilificio «Falcone».
Ha terminato la corsa contro un palo in ferro.
Una carambola micidiale che ha ucciso sul colpo Angelo. La vettura è un ammasso di rottami.
Nessuna traccia di frenata.
Un particolare, questo, che consente agli inquirenti di ipotizzare, come detto, il colpo di sonno.



Alle 2,40 sul posto dell’incidente sono giunti i carabinieri di Nusco e della Compagnia di Montella, al comando del capitano Luigi Saccone, e un’ambulanza del 118. E’ stato tutto inutile.

Il 19enne era deceduto sul colpo.

La Renault è stata sottoposta a sequestro e a disposizione dell’autorità giudiziaria. Stamane nell’obitorio dell’ospedale «Criscuoli» di Sant’Angelo dei Lombardi verrà eseguito l’esame autoptico. Angelo COLUCCI era un ragazzo semplice, gioviale.
Di tanto in tanto lavorava in qualche fine settimana, dopo gli impegni di scuola, in un ristorante della zona. Il padre Giuseppe è dipendente Fiat, la madre Maria Perillo casalinga.
Gli altri due fratelli vivono fuori d’Irpinia: Raffaele studia a Napoli, Alessandro a Pisa. Angelo frequentava la quinta A del liceo scientifico di Montella.
Avrebbe dovuto sostenere gli esami a giugno: un traguardo importante. Due comunità sotto choc.

Ieri mattina, appena s’è diffusa la notizia della morte dello studente una rappresentanza dei docenti del liceo e numerosi compagni di scuola sono andati a Castelfranci e a Sant’Angelo.

Nel piccolo centro irpino il sindaco Eugenio Tecce ha proclamato il lutto cittadino. «E’ una tragedia che colpisce tutti. Sono senza parole. Conosco la famiglia da sempre - ha detto il primo cittadino di Castelfrnaci - e conoscevo il ragazzo. Sarà difficile elaborare un dolore così grande».


Fonte web:
http://ilmattino.caltanet.it/mattino/view.php?data=20070419&ediz=
AVELLINO&npag=39&file=VOLA.xml&word=colucci&type=STANDARD

Articolo da Il Mattino del 18.04.07

Fonte: Il Mattino
Data: 19/04/2007

Titolo: Si schianta al volante dopo il pub

L’incidente a Ponteromito. Il giovane ritornava a casa al termine di una serata con gli amici di gita.
Studente sbanda in curva con l’auto e finisce nel cancello di un mobilificio


Articolo:
Quasi certamente è stato un colpo di sonno, intorno alle due della notte scorsa, a spegnere la vita di Angelo COLUCCI, 19 anni, di Castelfranci.
Lo studente del liceo scientifico «Rinaldo d’Aquino» di Montella stava tornando a Castelfranci da un ristorante di località Tagliabosco.
Il ragazzo tornava a casa dopo una serata trascorsa in allegria con gli amici di scuola, con i quali aveva partecipato, alcuni giorni fa, ad una gita a Praga.
La tragedia si è consumata alla frazione Ponteromito, una striscia d’asfalto lungo la strada statale 164, al confine tra i comuni di Montemarano e Nusco, nei pressi di una semicurva che immette a un rettilineo di circa cento metri che termina con un incrocio.
Alle 2,40 sul posto dell’incidente sono giunti i carabinieri della stazione di Nusco e della Compagnia di Montella, al comando del capitano Luigi Saccone, e un’ambulanza del 118.
E’ stato tutto inutile.


Una recentissima immagine di Angelo Colucci, schiantatosi in auto


Fonte web:
http://ilmattino.caltanet.it/mattino/view.php?data=20070419&ediz=
AVELLINO&npag=37&file=APRE.xml&word=colucci&type=STANDARD

Articolo da Ottopagine del 18.04.07

Fonte: Ottopagine.it
Data: 18.04.07, 12:01 pm
Autore: Alessandro Calabrese

Titolo: Ponteromito, impatto fatale per un 19enne

Articolo:
Incidente mortale questa mattina a Ponteromito, sul territorio del comune di Montella.
Angelo Colucci, di ritorno da una pizza con gli amici, ha perso il controllo dell’auto su cui viaggiava ed è andato a sbattere contro il guar rail. L’impatto, violentissimo, è stato fatale.

Il 19enne, residente a Castelfranci, è morto sul colpo. Inutili i tentativi di soccorrere il ragazzo da parte dei volontari del 118. L’episodio si è registrato alle 2.58.
Sul posto per i rilievi e una pima ricostruzione della dinamica dell’incidente i carabinieri della compagnia di Montella.

La tragedia ha sconvolto la comunità del piccolo paese altirpino dove viveva il giovane con la sua famiglia.

Il sindaco Tecce ha dichiarato il lutto cittadino.


Fonte web:
http://www.ottopagine.it/ponteromito-impatto-fatale-per
-un-19enne/18042007/

Articolo di Inrpinia News del 18.04.07

Fonte: Irpinia news
Data: mercoledì 18 aprile 2007 alle 13.48

Titolo: Nusco - Tragico schianto nella notte, muore 20enne di Castelfranci
Articolo:
Nusco – Tragico incidente stradale questa mattina, intorno alle ore 2,30, lungo la strada provinciale 164.
Angelo Colucci, studente dell'ultimo anno presso il liceo scientifico R. d'Aquino di Montella originario di Castelfranci che a settembre avrebbe compiuto 20 anni, ha trovato la morte dopo essere andato a schiantarsi con la sua auto contro una banchina posta sul lato destro della strada.

Un impatto violentissimo, che è avvenuto in località Ponteromito, all’uscita di una semicurva a sinistra: l’auto, una Renault Clio, per cause ancora in corso di accertamento, mentre stava percorrendo la strada in direzione Montella-Ponteromito, è sbandata e, ormai fuori controllo, ha travolto la banchina per finire la folle corsa contro lo spigolo destro della recinzione di un’attività commerciale.

Il tonfo è stato avvertito da alcuni residenti, che hanno chiesto l’intervento dei carabinieri della stazione di Nusco, giunti immediatamente sul posto per i rilievi del caso.

E' giunto anche il personale del “118” di Montella che si è dovuto limitare alla constatazione dell'avvenuto decesso: il giovane è spirato subito dopo l'impatto. Non risultano segni di frenata lasciati sull’asfalto dai pneumatici, pertanto l’ipotesi più accreditata è che il giovane sia stato colto dal classico colpo di sonno.



Sono intervenuti anche i militi dell’aliquota radiomobile e della stazione di Montella, che hanno collaborato con i colleghi di Nusco per i rilievi del caso, mentre la Renault è stata posta sotto sequestro.
Il corpo di Angelo Colucci è stato trasportato presso l’obitorio dell’ospedale civile Criscuoli di Sant’Angelo dei Lombardi per l’esecuzione dell’autopsia.
Un ragazzo gioviale e semplice con tanti sani principi.
La comunità di Castelfranci è sconvolta dal dolore e si è stretta attorno alla famiglia, al padre Giuseppe alla mamma Maria e ai due fratelli, Raffaele e Alessandro studenti universitari.

Il sindaco di Castelfranci, Eugenio Tecce ha proclamato il lutto cittadino, come segno di rispetto nei confronti del giovane e della sua famiglia.
"La comunità è sconvolta per la triste notizia - ha commentato Tecce - Angelo era un alunno modello e molto comunicativo, pertanto l'evento drammatico ha segnato profondamente le nostre coscienze".
Angelo tornava a casa dopo una serata trascorsa con suoi coetanei presso un ristorante in località Tagliabosco di Nusco.
Amici con i quali aveva partecipato ad una gita a Praga.


Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Avellino con il n.433 del 12/08/2005
Copyright © by IRPINIANEWS


Fonte web:
http://www.irpinianews.it/Cronaca/news/?news=17924

Articolo da ITV on Line del 19.04.07

Fonte: Irpinia TV
Data: 19 aprile 2007

Titolo: Dolore e lacrime a Castelfranci
Articolo:
Lacrime e dolore a Castelfranci per la morte di Angelo Colucci, il 19enne che ha perso la vita in un incidente stradale avvenuto a Ponteromito.

Stamane sono stati lasciati dei fiori sul luogo della tragedia dai compagni di scuola della quinta A del liceo scientifico di Montella.

Ora si attendono i risultati degli esami autoptici, effettuati pressol'obitorio dell'ospedale di S. Angelo dei Lombardi per chiarire le cause del decesso.



Fonte web:
http://www.itvonline.it/Ricerca/default.asp#bacheca

Articolo da Ottopagine.it del 19.04.07

Fonte:Ottopagine.it
Data: 19 Aprile 2007 09:01
Autore: di Alessandro Calabrese

Titolo:Incidente a Ponteromito, muore 19enne
Articolo:
Incidente mortale ieri mattina a Ponteromito, frazione situata tra i comuni di Montella e Nusco.

A perdere la vita Angelo Colucci, 19enne di Castelfranci, che si è schiantato con la sua auto contro la recinzione di un mobilificio.



L’episodio si è registrato intorno alle 2.30, quando era ancora buio pesto.
Il ragazzo, secondo quanto appreso da amici e parenti, era di ritorno da una pizza consumata con alcuni compagni.

Viaggiava alla guida della sua Renault Clio quando, per cause ancora al vaglio degli inquirenti, ha perso il controllo della vettura ed è andato a sbattere.

L’impatto, violentissimo, è stato fatale.

Il 19enne, infatti, è morto sul colpo.

Inutili i tentativi di soccorrerlo da parte dei volontari del 118 che hanno potuto constatarne solo la morte.

I primi a raggiungere il luogo dell’incidente sono stati i carabinieri.
Sul posto, per i rilievi e una prima ricostruzione della dinamica dei fatti, sono intervenuti i militari delle stazioni di Nusco e Montella, insieme a quelli della locale compagnia.

Subito dopo anche i vigili del fuoco del distaccamento di Montella che hanno dovuto lavorare non poco per estrarre dalle lamiere contorte della macchina il corpo senza vita del giovane.

Da quanto è emerso, la Renault Clio, che stava percorrendo la strada provinciale 164 in direzione Montella - Ponteromito, dopo una semicurva a sinistra è uscita dalla carreggiata, rovinando dapprima sulla banchina destra e terminando, poi, la corsa sullo spigolo destro dell’attività commerciale “Arredamenti Falcone”.

A causa della violenza dell’urto, l’autovettura ha scardinato il cancello scorrevole in ferro del mobilificio e spaccato il marmo del muro.
Vista l’assenza di tracce di frenata, secondo gli investigatori è possibile che il 19enne sia stato sorpreso da un “colpo di sonno” .

La macchina è stata sequestrata mentre il corpo del ragazzo trasportato presso l’obitorio dell’ospedale civile “G.Criscuoli” di Sant’Angelo dei Lombardi, dove oggi sarà sottoposto ad autopsia.

Sul luogo dell’incidente, già dalla tarda mattinata, si sono riversati gli amici e i parenti di Angelo che hanno voluto vedere con i propri occhi il luogo dove il giovane aveva perso la vita.

Vicino al cancello fiori rossi e bianchi, accompagnano un biglietto: “Sono stati belli i momenti trascorsi con te.

Resterai sempre nei nostri cuori. Ti vogliamo bene”.
Questo il saluto dei suoi compagni, ancora sconcertati dall’assurda e inaspettata notizia.


Fonte web:http://www.ottopagine.it/wp-mobile.php?p=4076&more=1

Articolo proviene da Informazione.Campania.it del 19.04.07

Fonte: Informazione.Campania.it
Data: Giovedì, 19 aprile 2007

Titolo: AVELLINO - TRAGICO INCIDENTE STRADALE, MUORE 20ENNE DI CASTELFRANCI
Articolo:
Angelo Colucci, uno studente di Castelfranci che a settembre avrebbe compiuto 20 anni, ha trovato la morte dopo essere andato a schiantarsi con la sua auto contro una banchina posta sul lato destro della strada.

Un impatto violentissimo, che è avvenuto in località Ponteromito, all’uscita di una semicurva a sinistra: l’auto, una Renault Clio, per cause ancora in corso di accertamento, mentre stava percorrendo la strada in direzione Montella-Ponteromito, è sbandata e, ormai fuori controllo, ha travolto la banchina per finire la folle corsa contro lo spigolo destro della recinzione di un’attività commerciale.

Il tonfo è stato avvertito da alcuni residenti, che hanno chiesto l’intervento dei carabinieri della stazione di Nusco, giunti immediatamente sul posto per i rilievi del caso.
E' giunto anche il personale del “118” di Montella che si è dovuto limitare alla constatazione dell'avvenuto decesso: il giovane è spirato subito dopo l'impatto.



Non risultano segni di frenata lasciati sull’asfalto dai pneumatici, pertanto l’ipotesi più accreditata è che il giovane sia stato colto dal classico colpo di sonno.
Sono intervenuti anche i militi dell’aliquota radiomobile e della stazione di Montella, che hanno collaborato con i colleghi di Nusco per i rilievi del caso, mentre la Renault è stata posta sotto sequestro.
Il corpo di Angelo Colucci è stato trasportato presso l’obitorio dell’ospedale civile Criscuoli di Sant’Angelo dei Lombardi per l’esecuzione dell’autopsia.
Il sindaco di Castelfranci, Eugenio Tecce ha proclamato il lutto cittadino, come segno di rispetto nei confronti del giovane e della sua famiglia.
"La comunità è sconvolta per la triste notizia - ha commentato Tecce - Angelo era un alunno modello e molto comunicativo, pertanto l'evento drammatico ha segnato profondamente le nostre coscienze".


L'URL per questa storia è:
http://www.informazione.campania.it/portale/
modules.php?name=News&file=article&sid=30718

Perche questo blog per Angelo

Abbiamo dedicato questo blog al nostro caro e amatissimo Angelo,
scomparso prematuramente a soli 19 anni in un terribile incidente stradale la notte del 18 aprile del 2007.



Abbiamo deciso che qui pubblicheremo tutte le tue foto.
Per te, per i tuoi amici, per tutte le persone che ti hanno conosciuto e che avrebbero voluto conoscerti ...
Perche possano vederti ancora una volta.
Perche non perdano nei loro occhi l'immagine del tuo sorriso.
Affinche tutti ti possano avere accanto ancora una volta.
Affinche i nostri occhi, pensieri, e preghiere siano rivolte a te.

Come possiamo dimenticarci di te ?
Molti dei tuoi amici ci hanno chiesto le tue foto e tantissime persone ti hanno voluto conoscere ... salutare ... abbracciare ...

Qui chiunque puo vederti e scriverti
un messaggio ...
una preghiera ...
un saluto ...
un pensiero ...
ancora una volta ... per averti vicino.

I tuoi cari,
a perenne ricordo e infinito amore





Ricorrenze
Ogni anno il 18 aprile si terra una messa in suffragio per ricordare Angelo tutti insieme.

Ogni estate nel mese di agosto a Castelfranci (in provincia di Avellino) si terra un torneo di calcio a 5 in onore di Angelo Colucci.
La partecipazione è libera ed aperta a tutti.





Per contatti e informazioni sul torneo inviare una mail a:
Alessandro Colucci



Eventi insieme
Messa celebrata in suffragio per Angelo il 19 maggio del 2007
Link avviso

Ancora una volta per ricordare Angelo tutti insieme, fortemente voluto da tutti i suoi amici.
Incontro presso il convento di San Francesco (Montella, Avellino) il 07 giugno del 2007 con tutti gli amici e i compagni di classe della V a del liceo scientifico di Montella.
Link all incontro


Primo anniversario.
Messa in ricordo di Angelo, il giorno 18 aprile del 2008 in Castelfranci (Av).
Link avviso


Primo torneo di calcio a 5, Memorial "Angelo Colucci", 22 luglio del 2008, Castelfranci (Av).
Link al torneo
Prima partita dei "poss"
Link al risultato finale
Video delle partite


Secondo anniversario.
Messa in ricordo di Angelo, il giorno 18 aprile del 2009.
Link all avviso

Terzo anniversario.
Messa in ricordo di Angelo il giorno 18 aprile del 2010.
Link all avviso







Dediche
Video bellissimo dedicato ad Angelo dai ragazzi della V A del liceo scientifico di Montella (Av)
Link al video

Video dedicato dai tuoi fratelli Alessandro e Virgilio
Link al video

Il murales dedicato dai tuoi amici de liceo scientifico di Montella (Av) (anno 2007)
Link alle foto del Murales

Lettera per Angelo del 18 aprile 2007
Link alla lettera

Lettera per Angelo del 31 maggio 2007
Link alla lettera

Dedica di Giorgio B. "il tempo e i ricordi" (ottobre 2007)
Link alla dedica

Raccolta dei messaggi per Angelo di tutti i suoi amici.
Link elenco messaggi


Tutto il blog inoltre contiene raccolte di dediche, poesie, frasi, preghiere e commenti dedicati ad Angelo.
Chiunque liberamente puo lasciare una traccia del suo passaggio per Angelo...

Ciao Angiol'è - Lettera letta al funerale del 18 aprile 2007 -

Ciao Angelo,
ti scriviamo questa lettera per salutarti.



Ne abbiamo combinate tante insieme.
Ci siamo divertiti da matti.
Non è una lettera di addio, ma un arrivederci a presto.

Un giorno ci rivedremo.
E faremo tutto quello che avevamo progettato insieme.
Mamma e papà stanno bene.
Ci manchi tanto.
Hai spezzato i nostri cuori, ma tu sarai sempre vivo in tutti noi.
Stavolta l'hai fatta davvero grossa, ma ti abbiamo perdonato anche questa.

Tu non piangere.
Là ci sono i nostri nonni che ti tengono compagnia.
Ti vogliono tutti un bene dell'anima.
Sapessi quante persone oggi piangono per te!

Hai fatto un bel casino.



Ma ti abbiamo perdonato.

Sorridi e non essere triste.
Non è da te.
Sei ora tra gli Angeli del paradiso.
Dio ti ha voluto con Lui.



Sorridi come sempre hai fatto.
Sorridi perche in giorno ci rivedremo e staremo di nuovo insieme.
Rideremo, scherzeremo e ci lascieremo tutto alle spalle come se nulla fosse successo.
Sei diventato l'Angelo di tutti, davvero di tutti.

Tutti ti hanno amato e continueranno a farlo.
Perche hai lasciato un pezzo di te in tutti.
Un pezzo buono e solare di te è in tutti i cuori delle persone che hai conosciuto o che ti hanno conosciuto.



Ora stai affrontando il tuo viaggio piu bello.
Ci mancherai da morire.

Ciao Angelo,
un abbraccio forte, e che questo viaggio sia per te una nuova avventura.



I tuoi amatissimi e affezionatissimi fratelli,
nella vita e nella morte.

Per sempre insieme
Alessandro e Lello.

Per te

Ricordarti bambino ... Testo in lingua originale Here I go out to sea again The sunshine fills my hair And dreams hang in the ai...